Eventi - www.manracing.it

LA STORIA LA FATE VOI!

Da quest'anno i commenti agli Eventi li farete V O I  - Voi che siete i veri protagonisti -
Percui spazio alle vostre impressioni, ai commenti, agli aneddoti simpatici o meno che ogni gara ci regala.
 

14° Revival Valpantena

14° Revival Valpantena


Lo scorso weekend Man Racing è stata presente al 14° Revival Valpantena con la “muscolosa” De Tomaso Pantera di Flavio Furlan, che ha partecipato alla gara copilotato dal veronese Mauro Umberto Lucchi.

E’ stata una partecipazione fortemente voluta dal pilota, che ha voluto dimostrare come una Gran Turismo “must” degli anni ’70, concepita per correre in pista e nelle cronoscalate, potesse destreggiarsi con onore anche nelle strette e tortuose stradine dei rally.
Ed onore è un termine corretto visto il risultato conseguito, grazie alle capacità di Flavio ed alla professionalità di Mauro, che li ha visti, dopo due lunghe ed impegnative giornate di gara (di cui una buona parte sotto pioggia battente), al 24° posto della classifica generale su 230 vetture partite e 125 classificate.

BRAVI !!!

CIMG4058.JPG
CIMG4030.JPG
CIMG4062.JPG

Rally Storico dell' Isola d'Elba 2016

Rally Storico dell' Isola d'Elba 2016


Man Racing presente al Rally storico dell’ Isola d’Elba 2016 con la Ford Escort RS2000 Gr. 1 condotta da Concetto Pettinato che, per l’occasione, era navigato dal figlio Carlo.

Nell’impegnativo rally valido per il Campionato Europeo la coppia ha conquistato il primo posto nella classe fino a 2000cc.

 

A loro vanno le nostre più vive congratulazioni
 

CIMG3765.JPG
CIMG3763.JPG

12° Rally Revival Valpantena

A metà novembre si è svolto uno degli eventi più attesi dell'anno nel territorio veneto, il Rally Revival Valpantena.
Una regolarità sport che conta ogni anno un numero di partenti impressionante provenienti da tutta Italia e non solo, con delle macchine da collezione.
Quest'anno la ManRacing ha visto partecipare la sua Ford Escort "Monika" con il fido Paolo Viola navigato da Leonardo Bernecoli.
L'equipaggio è stato seguito dal papà di Leonardo, Sandro, su FIAT 131 ABARTH Gr.4 "OlioFiat" navigato da Martina Ceruti Millet e dagli amici Alessandro Bianco navigato da  Elisa Sara Bazzeato su Golf GTI.
Insieme a loro si sono serviti del supporto assistenza di Man Racing gli amici della Scuderia Club91  Daniele Martinello navigato da  Nicola Zennaro su Fiat Ritmo Abarth 130 TC e  Roberto Rossetto con  Andrea Gallo su Fiat 124 Abarth Gr.4.
Tutti gli equipaggi hanno visto l'arrivo sotto un acquazzone che ha colpito la gara nelle ultime ore, felici e contenti come bambini per la bellissima esperienza piena di divertimento!
I complimenti vanno fatti a Daniele e Nicola che hanno raggiunto un 18° posto assoluto contro ogni aspettativa visto che durante la gara hanno cercato di rimodellare la linea della loro Ritmo.
Roberto, che di solito fa ottimi risultati, ha dovuto rinunciare a risultati di presitgio per colpa di una uscita, senza conseguenze, venerdì sera nell'ultima PS. Poi senza problematiche è ripartito il sabato.
I piloti Piemontesi si sono divertiti assecondando ottimamente i loro mezzi!

12° Rally Legend

La Man Racing torna nello stato di San Marino dopo qualche anno di assenza, ma questa volta non con la Ford Escort, ma bensì per la prima volta su queste strade con la Ford Sierra Cosworth "New Race".
A pilotarla, per la prima volta in vita sua, Stefano D'Achille navigato da Mirco Maschietto provenienti dal Piemonte.
Una gara con il solito Parterre de Rois su strade difficili ed impegnative.
Il caldo e i 3 giorni di gara hanno reso la competizione molto dura sia per gli equipaggi che per le vetture.
Stefano e Mirco hanno gareggiato benissimo, dando spettacolo nella prova Legend e facendo ottimi tempi nelle altre non andando mai a rischiare nulla.
Il nostro Team è riuscito a dargli ogni giorno una Sierra performante per il loro divertimento!
Buono il risultato che li vede piazzarsi al 16° posto assoluto della categoria Rally Legend Historic con un vero gr.N!
Bravi ragazzi!

37^ Cividale-Castelmonte

37^ Cividale-Castelmonte
Il week-end del 11-12 Ottobre si è svolta la 37^ Cividale-Castelmonte impegnativa cronoscalata in provincia di Udine.
A questo ultimo appuntamento della stagione la ManRacing schierava Flavio Furlan sulla sua DeTomaso Pantera pronto a finire l'anno in bellezza.
Infatti Flavio, amante delle strade della provincia di Udine avendo partecipato molte volte al famoso Rally Alpi Orientali, ha dato il meglio di se riusciendo a spremere al massimo la ormai conosciuta DeTomaso Pantera portando a casa un 18° posto assoluto, 5° di raggruppamento e 1° di classe!
Oltre alla coppa della gara con questo risultato Flavio Furlan ha vinto il Campionato Triveneto nella categoria cronoscalate storiche!

32^ Pedavena - Croce D'Aune

32^ Pedavena - Croce D'Aune
Durante il week-end dal 19 al 21 Settembre si è svolta la 32^ edizione della Pedavena- Croce D'Aune famosa cronoscalata che si svolge nella provincia di Belluno.
A questa competizione ha fatto ritorno Matteo Barletta dopo un po' di mesi di stop con la sua nuova BMW M3 gr.A rivista dalla ManRacing.
Ottimo il suo risultato piazzandosi al 5° posto assoluto delle storiche dietro a 3 prototipi e la Porsche Gr.4 del bravo Iccolti.
Insieme a Matteo la ManRacing schierava Flavio Furlan sulla sua DeTomaso Pantera il quale combattendo contro qualche difficoltà di doppiaggo e grip è riuscito a vincere la classe, piazzarsi 4° di raggruppamento e 21° assoluto!

40^ Alpe del Nevegal

40^ Alpe del Nevegal
Si è disputata giusto ieri la 40^ Alpe del Nevegal. Gara che per molti sancisce l'inizio delle ferie estive è un appuntamento dove difficilmente si può mancare ed ogni anno si ha un numero di iscritti decisamente elevato. Quest'anno la Man Racing si è presentata con Giovanni Alosi e la sua fidata Sierra Csw nel gruppo J2, Flavio Furlan e la sua bella e potente De Tomaso Pantera nel 2° raggruppamento storiche e Antonio Maniero, il "Boss", nel 3° raggruppamento con una new entry, una Porsche 928.
Giovanni, come ormai gli si addice. ha raggiunto un ottimo feeling con la sua potente Sierra e non si lascia sfuggire la vittoria assoluta della classe J2 e il 9° posto assoluto nelle storiche, grande Giovanni!!!
Flavio e la sua Pantera hanno chiuso in 20esima posizione assoluta, peccato per una prima manche di gara ritardata da qualche prima non entrata in scalata se no lo avremmo trovato sicuaremente in una posizione migliore. 
Ottima prestazione anche per Antonio che al debutto con la Porsche 928, non ancora al top di preparazione, si è aggiudicato la 31esima posizione assoluta, abbassando di ben 6 secondi il tempo tra prima e seconda manche di gara.
Bravi ragazzi!


2° Slalom dei Colli Euganei

2° Slalom dei Colli Euganei
A metà Luglio si è svolto il 2° Slalom dei Colli Euganei nella vicina, e bella Este, e visto la vittoria nella categoria storiche del 2013, il figlio del "Boss" Massimo Maniero ha deciso di ripresentarsi per portare a casa ancora un buon risultato. La categoria storiche contava quest'anno ben 10 partenti di cui 8 nel 2° raggruppamento tra cui il ns. Massimo.
Alla fine della 3a manche di gara non c'è stato nulla da fare per portare a casa ancora una vittoria assoluta visto la prensenza di una X1/9 Dallara, ma si è riusciti a portare a casa un secondo posto assoluto e un primo di 2° raggruppamento.
Bravo!

Trento-Bondone 2014

Trento-Bondone 2014
Ad inizio Luglio si è svolta la famosa Cronoscalata Trento-Bondone, 17 km di salita con tratti veloci e misti per la goduria dei piloti che partecipano. 
La Man Racing si è presentata al via con 3 vetture, la bellissima e potente De Tomaso Pantera di Flavio Furlan, la competitiva Ford Escort Mk2 Gr.2 "Monika" guidata da Franco Goatelli e la Ford Sierra Csw "New Race" guidata dal " Boss" Antonio Maniero.
Week-end impeccabile per il tempo e per il divertimento dei nostri piloti che hanno saputo affrontare i 17 km di salita nel migliore dei modi riuscendo a ottenere degli ottimi tempi. Un plauso va sicuramente a Flavio Furlan che dopo 35 anni si è presentato nuovamente ai nastri di partenza delle gare in salita con un macchina che richiede una certa "mano" per sfruttarla al meglio.

Rally Campagnolo 2014

Rally Campagnolo 2014
Uno dei Rally più belli d'Italia e possiamo dire il Rally "quasi" di casa, così abbiamo voluto partecipare in forze.
Massimo Maniero e Maria Grazia Vittadello, per la prima volta a fare equipaggio insieme, hanno partecipato su Ford Sierra Cosworth nella categoria J2 "Classic" purtroppo unici partecipanti causa problemi documentali in verifica della altre due auto. Possiamo dire che la categoria non merita questi pochi partecipanti, speriamo che le cose cambino in futuro. Tornando alla gara hanno portato a termine il rally con qualche bel tempo e non rischiando sotto il diluvio che si è abbattuto sulla zona di Isola Vicentina durante il pomeriggio di sabato.
Insieme a loro hanno partecipato nella categoria Regolarità Daniele Martinello e Roberto Rossetto sulle loro rispettive "bimbe" divertendosi con buoni risultati.

UNA DOMENICA CON I CAMPIONI

UNA DOMENICA CON I CAMPIONI
Una splendida giornata insieme alla grande famiglia del Veneto Rally Club.
GRAZIE A TUTTI I RAGAZZI E LE RAGAZZE che hanno reso questa giornata straordinaria.

Un plauso (eh eh eh, siamo leggermente di parte, ma se lo merita tutto) al nostro Massimo inecepibile organizzatore e gran pilota (nonchè intruso nella foto sopra)

Occasione migliore non poteva esserci per presentare le VETTURE che Sabato 5 Aprile saranno a disposizione dei fortunati partecipanti al corso  di cui Man Racing ha il piacere e l'onore di essere partner Tecnico




2013

FIERA AUTO E MOTO D'EPOCA 2013

FIERA AUTO E MOTO D'EPOCA 2013
Quest'anno saremo presenti alla fiera AUTO e MOTO D'EPOCA a Padova.
Insieme agli amici della Concessionaria Promotor di Ferrara siamo ad esporre la Sierra Cosworth ex Mauro Nesti, appena ripristinata, un Porsche 911 Sc e tante altre bellissime auto!
Veniteci a trovare numerosi al PADIGLIONE 14 - Stand D!!!

Cronoscalata Pedavena Croce D'Aune

Cronoscalata Pedavena Croce D'Aune
La Man Racing non si ferma ai rally e con il debuttante (alla 2a gara) Giovanni Aloisi su Ford Sierra Cosworth si presente alla velocissima Pedavena Croce d'Aune.
Giovanni il piede lo ha, si era già visto al Nevegal per la prima volta su un Sierra, ma il compito qui si fa arduo in quanto si prevede pioggia per la domenica.
Giovanni non si scompone, nelle prove asciutte fa segnare degli ottimi tempi nel gruppo storiche chiudendo al 6o posto assoluto la seconda manche di prova. Ottimo! Macchina perfetta e pilota contentissimo!
La domenica come previsto piove, ma Giovanni è concentratissimo e anche sotto l'acqua fa segnare un 5o tempo assoluto, veramente eccellente per essere alla seconda gara sotto l'acqua su un trazione posteriore con un bel po' di cavalli. In seconda manche azzarda le gomme slick, uno dei pochi, al primo intermedio è 4o assoluto, ma poi un po' di umido e un errore su uno degli ultimi tornanti gli fa chiudere la salita al 6o posto e 3o del gruppo Classic. Giovanni se vai avanti così non ti ferma più nessuno, complimenti!!!

Rally Elba Storico

Rally Elba Storico
Dopo un paio d'anni che non ci si presentava a questo difficilissimo Rally e dove nelle edizioni precedenti edizioni non si era visto mai l'arrivo, quest'anno la Man Racing si è presentata con l'amico Alessandro Ancona (anche lui non era riuscito mai a finirlo) insieme alla navigatrice Camilla Sgorbati sulla fidata Monika (Escort Rs2000 Gr.2).
Il rally molto duro ha riservato molte sorprese, ma con ottimi tempi Alessandro e Camilla sono stati sempre vicini ai più forti e collaudati equipaggi del gruppo.
Alla fine hanno colto un bellissimo secondo posto di classe dietro al nuovo Campione Italiano Luca Cattilino.
Quindi che dire, complimenti ad Alessandro e Camilla, complimenti a Monika e finalmenete si è sfatato il tabù "Elba"!

Rally Regello

Rally Regello
Che equipaggio!
La Man Racing ha avuto la fortuna di fare sedere sul sedile di dx insieme ad Alessandro Ancona l'amica "Micky" Martinelli.
Che dire due nomi così insieme non potevano che arrivare ad un ottimo risultato, insieme ovviamente alla fidata Escort Gr.2!
Dopo un inizio in salita per 2 minuti di penalità per un ritardo al primo CO, sono riusciti a suon di tempi a chiudere in testa alla propria classe e 3 assoluti delle storiche.
Quindi...CHE COPPIA!

Rally 2 Valli

MOTOR CIRCUS 2013

 
Motor Circus 2013 è stato l'evento giusto con cui iniziare questo 2013.
Una pausa per incontrare tanti amici vecchi e nuovi, persone interessanti con cui condividere lunghe chiaccherate e nuove idee per partire verso questo nuovo anno con rinnovato entusiasmo.
Ringraziamo tutti per essere a passati a portarci un saluto, volti noti e meno noti, veri appassionati o semplici curiosi. Grazie!!

 

2012

10° REVIVAL RALLY CLUB VALPANTENA



Una 10^ edizione stupenda!
Questo è stato riferito da tutti gli equipaggi che hanno partecipato, soprattutto per il "mondiale di Alcenago" ultima prova che si svolgeva in un anello creato da varie stradine sopra Stallavena da percorrere per 2 volte.
La ManRacing ha partecipato con il Patron Antonio Maniero - Lucia Zambiasi su Sierra Cosworth, Alessandro Ancona - Dario Orsini su Escort Rs 2000 e Alberto Mondinelli - Alberto Baisini su Fiat 124 Abarth Gr.4.
In più è stato dato supporto tecnico agli amici piloti del Club 91.
Sicuramente ci sarà una ingente partecipazione anche per il 2013!

1° RALLY DOLOMITI HISTORIC

1° RALLY DOLOMITI HISTORIC

3° TUSCAN REWIND

NEOFITI
 

Certo che quando si è appassionati di auto e di competizioni forse non si cresce mai …e così, nonostante gli "anta" suonati , quando percorri una strada “da guidare” o trovi 100 mt di terra ,compreso i piazzali dei ristoranti dove ti conoscono come serio professionista, fai il ragazzino…  traversi, testa coda ecc ,ma il peggio e che lo fai con una C5 ….la frustrazione non ha limiti !

E fai il bambino oggi e fai il bambino domani ,se ti propongono di correre sulla terra che fai ? ACCETTI !!! Anche se ti ricordi ,ovviamente solo dopo, che alla fine non lo avevi mai fatto, eccetto che 27 anni fa …ed era un Cremona praticamente tutto dritto !!!

Ad Andrea non lo avevamo detto, non si era ancora ripreso dal test resistenza scocca che avevo praticato al 1000 miglia, sicuro che la blu non avrebbe tradito neanche questa volta e così è stato: pedana d’ arrivo con segno tangibile della ricerca prestazione  e buoni  tempi .

Gran bel w.e. lungo, in splendida terra toscana, partiamo giovedì pomeriggio, come al solito alternandoci alla guida e quello che a turno stà a destra lavora ancora un po’col telefono, prepara spuntini, piu che una macchina in traferimento sembriamo in regata ,dove non ci si ferma mai neanche per fare pipì ,ma ci stiamo lavorando….. e che non troviamo la poppa!!!

Il ritmo è serrato anche nelle ricognizioni, con la generosa skoda ,per fortuna octavia ,(abbiamo rischiato lo yeti non dico altro) che sfruttiamo a 100 e passa di media anche nei trasferimenti toscani (che dire  i bimbi giocano anche fuori dalle speciali) complice la tecnologia del multa detector coyote di cui forse ci fidiamo troppo ….accc lo sapremo fra 30 gg se funziona per davvero, come dicono i toscani, altrimenti devo trovare una seconda mamma perché, la sportivissima anziana, i punti li ha quasi finiti tutti , che biricchina !!!

Dunque nei 3 giri di ricognizione per ps come da regolamento , riusciamo a capire dove gira la strada piu o meno , direi rallysti veri , come ai bei tempi dove nelle note segnavi quasi solo il pericolo … e ti divertivi tanto .

Per fortuna che il prode Ernesto, detto Giak, mio grande amico, con il quale fare coppia è davvero divertente,  aveva calcato la scena dei mondiali per ben 3 volte 20 anni orsono: 2  1000 Lakes e 1 Sanremo, e siccome gli anta arrivano anche per usare la giusta umiltà, come mia abitudine, chiedo pareri e consigli, confrontandomi, senza timore di sembrare un fermo .

D’altro canto Antonio della Man e Alessio della Promotor e tutti gli altri gentilissimi ed efficacissimi uomini del team, non sono mai certo avari di pareri e consigli e fra battute, seriosità, pungolature e sarcasmi, riusciamo sempre a portare la vettura all'arrivo e direi con buon esito in classifica .

Oltre che essere ragazzini entusiasti si è comunque consci sulle potenzialità della macchina affidataci che, nell'ambito del gr.2 e dell’ottima e onesta preparazione, non sara mai una lippa come certe meteoriti che passano in classifica talvolta ....  a noi  non rimane che farle esprimere  tutto quello che può dare e assicuriamo che da molto, in divertimento ed emozioni.

In questa gara fortunatamente, dove il cielo non permetteva passaggio di meteore o astronavi, siamo arrivati in pedana con un bel 5° assoluto e un 2° di classe, anche se credo che la vera gara sia stata verso un Escort gr. 4 con la massima preparazione .

Alla fine quando  siamo ”entrati in gara” ci dava 1,5  secondo al km ….. credo che possiamo vantarcene anche perché le ps erano da 90/100 di media .

Comunque i risultati non si fanno mai in assolo e lo schieramento di forze messe a disposizione da Man e Promotor  era davvero impegnativo, direi quasi a livello ufficiale, due uomini con mezzo veloce fuori ogni prova e 2 camion ad ogni transito tra ps e ps !!! Risultato? Macchina sempre perfettamente carburata,la polvere fa dei bei danni,  un braccetto avantreno sostituito in 20 min ……davvero notevole !!!!!

Un grazie particolare ad  Andrea, Narciso ,Alex ,Dario, Riccardo ,Enrico e l’immancabile Alessandro .
Graditissima nuova presenza, Fabia che mi ha gentilmente ritratto, pur non essendo io un soggetto artisticamente menzionabile, che ringrazio per il pensiero .

E che dire di Antonio, il set up inglese procuratoci  per l'occasione era perfetto, salire e poter mettere la macchina dove vuoi è stato un tutt'uno !!! Ad Alex, che ci voleva più professionisti , la promessa che cresceremo, siamo ragazzi ci vuole pazienza!

Complimenti come sempre ad entrambi per la grande professionalità e simpatia!

È davvero un peccato che nelle gare, soprattutto nelle storiche dove ormai si dovrebbe essere dei gentlemen ,esistano le meteore ed è un peccato che la federazione, invece di perdersi in mille rivoli, non organizzi dei campionati seri, univoci, per categorie e per specialità, fra cui la terra che da noi è praticamente scomparsa .

Se posso dirlo io ed Ernesto continuiamo a sognare le prove segrete del  Rac anni d’ oro !  Antò pensaci tu…………

Vedere poi la bluette Monika con polvere in ogni dove ci ha fatto un po' soffrire, ma il divertimento e' stato talmente grande che, senza dirlo ad Andrea, se c e' altra terra chissa' .......

Grazie di cuore a tutti!!!

 

Marco & Ernesto  



Man Racing al Tuscan: buona la prima "su terra"!

 

 

Nonostante non vantasse alcuna esperienza di rally su terra, il team Man Racing si è presentato in forza, a questo fantastico evento, con 3 equipaggi: Catania-Riterini e Giacometti-Flocchini entrambi su Ford Escort Rs 2000 Gr.2, Lazzaretto-Maggiolo su Ford Escort Rs 2000 Gr. 1.

Nel Rally Storico, dove erano presenti piloti di provata esperienza "terraiola", il gruppo Man Racing ha fatto segnare ottimi tempi.

Visto il valore dei partecipanti, tralasciando il vincitore che ha fatto gara a se, la classifica assoluta variava ad ogni prova speciale ed in tutte le altre posizioni si è combattuto fino all’ultima prova speciale.

Alla fine, con grande soddisfazione, Man Racing ha visto tutte le sue 3 vetture all'arrivo, centrando un 5° assoluto con l'equipaggio Giacometti-Flocchini, un 8° assoluto con Lazzaretto-Maggiolo ed un 9° assoluto con Catania-Riterini.

Buona la prima!


Foto in action offerte da www.photozini.it - per provini contattare photozini@libero.it

7° Rally Città di Bassano



IL RITORNO E IL DEBUTTO

Si, 9 anni sono passati dal mio ultimo rally, poi tante gare in salita con molte soddisfazioni, qualche gara in pista e qualche regolarità per mantenere il feeling con le strade strette e tortuose. Ma qualche mese fa, dopo tanti anni di assistenza alle macchine della Man Racing nei rally, ho pensato di rimettermi alla prova. Cosa volete che vi dica, quale vetrina migliore del Rally di Bassano, poter dire:" Ho corso anch'io ad un Bassano".
Bene la Escort tra le 3 si è scelta...Escort Rossa Gr.1! Decisione ponderata dal fatto che c'erano 4 belle gomme nuove già pronte e poi per non pestarci i piedi tra padre e figlio, visto che Tony avrebbe corso con "Michelle" Gr.2.
Dopo ho dovuto trovare il navigatore, scelta caduta su Iside Zandonà (from Verona) per essersi ben distinta durante il corso navigatori di Febbraio, organizzato dal Veneto Rally Club, alle regolarità sport del Lessinia e del Campagnolo.
Bene è tutto pronto e si parte! Giornata per fortuna fantastica, macchina che sembra da passeggio in trasferimento, ma già dalla prima speciale "Valstagna" appena la si fa aumentare di giri sembra tutta un'altra cosa e allora penso: " Si oggi ci si diverte!".
L'affiatamento con la Iside è già perfetto, per essere al suo primo vero Rally l'emozione non la tradisce e già dopo il primo giro di speciali siamo super contenti perché siamo in 20^ posizione con dei tempi buoni. Il secondo giro va bene, non si rischia e i tempi si abbassano ulteriormente, 19^ posizione, cosa chiedere di più?
Un 15° tempo assoluto sul terzo giro di "Valstagna"...dove ci vorrebbe un bel po' di cavalleria e invece “La Rossa” sembra essere una cosa unica con me e la Iside! Wow 16^ posizione assoluta e mancano 3 prove alla fine.
A “Enego” preferisco non rischiare in quanto il fondo e molto brutto e poi tanto la differenza di cavalli fa la sua, infatti usciamo in linea con i tempi fatti durante i giri prima, però perdiamo una posizione, non importa è sempre di tutto rispetto.
"Stoccareddo" ci porta un bello spavento, osando troppo abbiamo fatto un bel salto in mezzo alle case e non so come siamo riusciti a fermarci, dopo 2 secondi fermi con un po' di panico ripartiamo, faccio 200mt piano per verificare che sia tutto ok e poi via come fulmini. Bé abbiamo perso solo 8 secondi dal tempo del 2° giro, quindi se non facevo quell'errore forse veniva proprio un bel tempo!!!
Dai non disperiamo siamo sempre in 17^ posizione, in assistenza mi dicono tutto ok a parte il cerchio anteriore sinistro un po' storto.
Niente paura si arriva a “Rubbio”, ultima ps.
Si parte senza l'idea di strafare ma le cose sembrano venire da sole, si usa di più la terza (la Escort ha solo 4 marce) sul tratto iniziale che è molto veloce (manca un po' di cavalleria) ma arriviamo alla prima chicane e la Iside mi dice che abbiamo tirato giù 5" dal giro precedente, WOW! anche l'intertempo mi da la naviga..ma è una professionista!!!.
Insomma, tempo finale 5.08.6, -7" dal 2° giro e solo 5" da mio padre con "Michelle" ottimo!!!
Alla fine 17^ posizione mantenuta in mezzo a vari gr.2, gr.4 e piloti più in forma di noi!
Un ENORME GRAZIE a tutti coloro che hanno fatto in modo di farmi divertire così tanto, la Man Racing e la Promotor AD Classic per le assistenze, la Iside per avermi navigato in maniera perfetta e agli sponsor Bisson Auto e Stella Polare per avermi permesso di fare questa fantastica gara!
Grazie a tutti!

Massimo Maniero

8° RALLY CAMPAGNOLO


2° LESSINIA SPORT

2° LESSINIA SPORT
 
Gara test per prepararsi al Campagnolo e per svezzare l'ultima Escort nata in casa Man Racing (quella gialla!)
Si è visto anche il debutto della giovane navigatrice Veronese Iside Zandonà che ha affiancato il ns. patron Antonio Maniero. Fresca di corso navigatori, by Veneto Rally Club, si è subito buttata nella mischia con ottimi risultati e tralasciando un normalissimo nervosismo iniziale, si è poi comportata benissimo.
Giornata positiva per la messa a punto delle due auto.
A presto alcune foto!

Man Racing



4° VALSUGANA HISTORIC RALLY

LA SINDROME DA RAVVICINATO


  

Vi ricordate la canzone: non ho l'età, non ho l'età per..etc.?? ....
Uno quindi, sano di mente, dovrebbe rassegnarsi all'implacabile trascorrere del tempo e invece, complice un'indomabile "SINDROME DA RAVVICINATO" che si ripresenta ogni volta si posino le chiappe su una macchina da corsa...eccoci qui per il secondo anno alla partenza del rally di casa.
Se l'anno scorso, al rientro alle competizioni dopo 13 anni mi ero divertito, quest'anno... di più!
Parlo al singolare perchè per il mio naviga, dall'alto dei suoi oltre 100 rallies disputati (praticamente il Kiwimaki de noantri) , ho sempre il dubbio che l'andatura non sia sufficientemente eccitante. Comunque, se non io, la ns. macchina andava più forte, grazie al motore rinfrescato e al cambio ravvicinato e quindi la giornata, pur con qualche contrattempo ( se no che rally è ?) è stata di piena soddisfazione anche grazie a un assistenza come sempre al top.
Unico punto dolente è stato invece alla sera, alle premiazioni.
Hanno infatti, nonostante le ns. rimostranze, voluto a tutti i costi darci la coppa per la vittoria del GR 1. Sai che roba!! Eravamo gli unici...!!

Franco G.

2° VALLATE ARETINE HISTORIC RALLY

2° VALLATE ARETINE HISTORIC RALLY
Cari Fordisti,
ottimo risutlato nella prima gara del 2012!
Impegnate nella competizione erano le due ESCORT RS2000 Gr.2 con gli equipaggi Ancona-Zambiasi (Michelle) e Barsanti-Cesaretti (Monika).
Ottimo il risultato finale con rispettivamente un 4° e 6° posto assoluto, 2° e 3° di classe dietro ad un ben noto Carissimi su Opel Kadett Gr.2.
La gara si è decisa all'ultima prova speciale dove alla partenza Ancona era a 5" e Barsanti a 24" da Carissimi.
Veramente un COMPLIMENTI in maiuscolo ai ns. pilotoni!!!
A presto qualche foto.

ManRacing

2011

4^ COPPA ARENA HISTORIC di Alessandro Ancona

4^ COPPA ARENA HISTORIC di Alessandro Ancona

Beh, senz’altro è stato un bene fare un bel po’ di traversoni al Motor Show, ….(anche se a Tony non piacciono…),  così mi sono sfogato per bene, perché all’Arena ce li siamo proprio dovuti scordare….con quelle condizioni di strade…

Prima gara dopo decenni senza Carlo di fianco, ma sinceramente…non è proprio male avere la Lucia di fianco…anziché un omone di 1,90…Scherzi a parte, non pensavo di trovarmi subito bene con lei, ed invece Lucia mi ha dato subito sicurezza ed è veramente brava, con i toni giusti…e un “look” che ti tira su il morale quando le cose non girano…
 

Questa volta le previsioni meteo sono state precise al minuto…e ad un’ora dalla partenza un bella pioggerellina ci ha messo dei bei pensieri in testa sul come non buttar via la gara nel primo km della prova spettacolo!!!! (anche se a momenti il modo lo trovavo…)

 

Grande studio per la sostituzione delle gomme…..e poi purtroppo, una volta che avevo deciso… …scelta forzata di continuare con quelle dato che sembra che i cerchi non entrino…si comincia bene…comunque è solo 1.5 km…

 

“Riassunto prova spetacolo:

Ach....va a 3....no adesso son 4....cav....scivola... gomme paleolitiche... Va beh dai andiamo pianino...dx scivola x sx scivvola x chicane scivola....piano piano tornante fango, meno della prima non ce l'ho, ci vorrebbe il camion di Biasion con le ridotte!

Va beh dai traversino tanto per ridere, scivola boia c.... Piano che c'è la curva con il marciapiede di Tony.... cavolo sono fermo... e non gira, anzi adesso va via anche davanti.. Scivola anche lì ..ho sempre odiato i marciapiedi....e questi sono sempre troppo vicini alle mie ruote... Meglio inchiodare..... Ma sembra di essere sul ghiaccioooo. Beh dai botticina sul marciapiede ma niente di grave, riaccenditi in fretta ti prego...speriamo entri la retro, in quel cambio sono solo 4 ma che si mettessero d’accordo una volta....bene riparte, scivola, ci sono tutti i cilindri? Forse si, fra un pò quando il quarto si sveglia....Io mi domando perché in una lottizzazione in costruzione la prima cosa che posano sono i cordoli dei marciapiedi.....ma potrebbero aspettare che sia passato io? Beh ok siamo ancora in gara, qui le prendiamo da tutti meglio provare almeno a fare un po di tempi e spettacolo.....Ma che faccio? Mi sono scordato che non ho la franchigia??? Rallenta bene che mancano due curve dai, e una, e due. . la chicane scivola....scivola... le balle di paglia no eh ci ho gia fatto il muso una volta proprio qui vicino, ..piano piano evviva si scorge finalmente l'agognata fine PS!!! Che figuraccia con la Lucia....prima gara, prima ps, se va bene siamo ultimi.

Per fortuna che di girotondi e dritti ce ne sono stati talmente tanti che sembrava di essere a ballando sotto le stelle, anzi sotto la pioggia.

Va beh, ci proveremo domani a migliorare...anzi meglio di no.....santa franchigia che ci rallenti 3 secondi al km!!!

 

2° Giorno.

Ci si alza con il sole, ma freddo….e ghiaccio.

 

Proviamo a vedere se con 30 km di trasferimento riusciamo almeno a scaldare le gomme per decidere se continuare con le paleolitiche o le cambiamo con le antiche…la povera Lucia a stomaco vuoto si “cucca” 20 km di serpentine e frenate…

Ok deciso cambiamo! queste sembra non ne vogliano sapere di tenere neanche un po’.

Ovviamente arriviamo all’assistenza e nella foga andiamo dritto…fortuna c’è tempo e in breve torniamo indietro e troviamo l’ormai famoso cartello nero “MAN RACING Service” (quello che quasi sempre riusciamo a dimenticare in giro), ed i ragazzi più svegli di noi sono bravissimi a sistemare il tutto.

 

Purtroppo scendo dalla macchina e guardando una pozzanghera ghiacciata capisco che sono ca..i amari della serie : chissà che roba troviamo in giro, per cui prima guardiamo poi pensiamo e poi in caso acceleriamo…

 

Faccio altri 20 minuti di riscaldamento gomme per tutto il paese.. con la povera Lucia che si era appena ripresa dalle serpentine e dalle rotonde di prima..

Invece tutto sommato la prova non è male, tranne una bella lastra luccicante in staccata che mi ha fatto gelare il sangue, comunque non male siamo ancora terzi, ma non credo proprio di poter tenere la posizione con queste condizioni…e senza assicurazione…

 

Ma l’incubo è la seconda che credo sia viscida anche ad Agosto…

 

Sapone vivo all’inizio, poi sembra migliori, ma quando meno te lo aspetti ecco la fregatura: tornante sinistro con un bel rivolo da una scolina ghiacciata che lo attraversa, proprio dove uno deve appoggiare la gomma…dritti come un fuso nel prato, palettino di legno abbattuto come in uno slalom di Tomba, ed il solito codolino che si rompe con somma gioia del carrozziere…

 

Ok, proviamo almeno a non impantanarci e limitare i danni, si riparte.

 

E due…. Sarà l’ultima spero! Saltone finale fatto bene ed è fatta.

 

Finalmente riordino, assistenza ed un po’ di calma, non và poi tanto male, anche se la giallona col 5..recupera , ma il “400” è a tiro…

Dai proviamo a vedere cosa riusciamo a fare.

Già alla terza curva il piede scivola in frenata sull’acceleratore…freddo alla schiena ma dato che si va piano e siamo in salita solo una strettina al “cu..”, una sudatina e basta.

 

Sembra tutto ok, ma invece il tempo non viene, chissà dove ho la testa…

La Lucia mi guarda perplessa e penso si chieda come ho fatto a vincere degli assoluti con questo modo di andare…ma non sono le strade che mi piacciono e tutto sommato siamo contenti.

 

Dai che adesso è un po’ più caldo e si guida con un po’ meno di ansia…(ma non so ancora cosa mi aspetta!!)

 

Tutto ok, bei passaggi, dai che ci divertiamo, dai si va, la sento bene…ma al primo rettilineo in cui posso pensare torno in me: ma che sto facendo? e l’assicurazione!!! Cosa ti sei messo in testa? Rallenta dai che tanto più o meno le posizioni sono queste… Ok va bene non esageriamo, poi ormai il pezzo brutto è passato…..  eeeee zac la fregatura dietro una destra 2 chiude sporca come non mai.

 

Frenatona ma inutile, cavolo si va giù, albero o proviamo a vedere se giù dal terrapieno ci si ferma?

Momenti in cui ti vedi passare davanti….la franchigia, il notaio per vendere casa….ecc.

Ma qui sono convinto che mio padre dall’alto mi ha tirato dalla parte buona…evito l’albero e mi fermo incastrato fra terrapieno ed il nulla con il tetto di una casa li sotto che mi guarda.

 

2 secondi di respirazione, sai che la macchina è intera? Beh dai se anche ci fermiamo non abbiamo fatto danni.

 

La Lucia si butta fuori e richiamando l’attenzione del pubblico, riusciamo ad avere una vera compagnia della spinta tipo quelle dei Rally nordici: spingi di qua, vai  per di là e siamo ancora in strada.

Sto per partire, ma manca qualcosa? Ah giusto il naviga dov’è? Eccola che arriva, salta su mentre passa Barsanti, ok più di un minuto ma siamo ancora interi ed in gara.

 

Via a chiodo con la povera Lucia che cerca di legarsi in qualche modo e ritrovare il segno delle note, che arriva comunque in breve.

 

Arrivo al salto, ma quando sono ad un metro mi viene il dubbio: sarà riuscita a legarsi? Tardi…saltiamo, tutto bene và…

 

Ok 1’ e 40” persi ma non è poi male, ci passano in 3 e dai conti credo che non riusciremo a riprendere Guarducci con il 400, ma due posizioni le recuperiamo se non facciamo altre cretinate.

E questa volta per fortuna smetto di farne….

 

Ultimo problemino allo scarico che, nell’uscita di strada, si è rotto, ma Andrea ed i ragazzi riescono a sistemarlo in qualche modo.

Una prova tirando un po’ (un bel terzo tempo) per recuperare e finalmente l’ultima fatta sulle uova…

Dai che finalmente dopo anni siamo arrivati in fondo…

 

Bravi tutti quanti, la “Michelle” che ha tenuto botta fino alla fine, la Lucia che è veramente brava e un grazie enorme a Tony che mi permette di fare queste cose che, ormai non posso più negarlo, sono la mia vita.

 

Ci premiano addirittura…beh se penso che l’ultima volta che ho preso una coppa in un rally era il 95’ all’Abeti con la Delta (2°)..e guarda caso a premiarmi è stato proprio il Barsanti!! Guarda i casi della vita!

 

Gran finale col botto (o quasi) con doppio inciampo sul palco della premiazione per l’ilarità del pubblico…(vedi film su FB)…le provo proprio tutte per farmi del male…ma adesso basta!!!

 

Si torna a casa e per quest’anno chiudiamo la tuta in cantina, nella speranza di poterla ancora usare (se Monti ce lo consentirà!!!)…

 

Grazie a tutti per tutto l’aiuto che mi avete dato per l’attività di quest’anno.


Alessandro Ancona

CERTO CHE NOI...AL DUE VALLI...WOW!!

CERTO CHE NOI...AL DUE VALLI...WOW!!
 CERTO CHE NOI …. AL 2 VALLI ……  ………………… WOWHHH !!!!!

Sarebbe dovuto essere un preludio di fine stagione, campionato italiano già assegnato in anticipo a chi di dovere e invece, GLI OVER 50  tutti, più agguerriti che mai.

84 belve allo start,  10 in classe,  51 in raggruppamento di cui 10 porsche delle 24 totali …. Non dico altro !!!! ma questi lavorano anche o corrono solo ?????

Bagarre fino all’ ultima prova, percorsa al buio, dove i riferimenti presi di giorno sono come “l’anima di dio” … invisibili !!!

I piloti locali esagerano con gomme fresche  sull’ ultima ps, sportivissimi ma increduli, noi calcoli di tempi e distacchi nemmeno fossimo al mondiale!! Beh, di mondiale sicuramente  c’è la nostra seconda giovinezza .... velocissima nella  fuga dalla maturità !!!

Massa beo !!!!

Ernesto scatenato ad  intraversare “la belle blu” ed emulare Ari, io più discreto facciamo alla ..... Walter, per darci un tono,  a gestire il vantaggio (per altro accumulato da Ernesto)  .

Il crescendo si è avverato, sto giro il pubblico si è sbracciato anche per noi finalmente e la vanità non ha permesso di rinunciare al  camera car gentilmente offerto dal team  … di questo passo non oso pensare dove andremo a finire !!!!!

(ERNESTO VORREBBE FORSE RIVINCERE UN CAMPIONATO DOPO L’ULTIMO DEL 1990)

Un bel lavoro di squadra, come ci hanno detto in più di uno con nostra grande soddisfazione.

Che dire dei Man in Black? questa volta hanno dimenticato a casa la Woman in White !!!!! e vabbeh, l’età sai com'è qualcosa ti scordi sempre !

OTTIMI:

- Alessandro, che ci raggiungeva allo start dell'ultima prova speciale (dopo aver percorso 20 km di trasferimento a tutta manetta, anche lui con qualche traverso della sua Citroen C 5) per comunicarci i distacchi  aggiornati  (vantaggio pericolosamente diminuito) e ci incitava a non "addormentarci";

- il Patron da buon ingegnere  pianificava, non accettando, come sempre, nessuna variante ai suoi calcoli per altro sempre precisi;

- Andrea e Nicola  passisti instancabili, anche se provati da tutta la stagione, coccolavano ad ogni assistenza “la belle bleu” per farle dare il meglio.

Grande soddisfazione, costruire un podio in 3 gare non è poco, è stato appassionante , la fortuna è stata dalla nostra parte penalizzando purtroppo  qualcun altro , ma noi i  tempi  li abbiamo  fatti comunque e questo è quello che ci ha gratificato di più oltre al 3° di classe, al 7° di Gruppo ed al 13 ° assoluto .

La “belle bleu” ?? perfetta come sempre !!!

Ora panico !!!  vivremo di ricordi o pianificheremo qualcosa d'altro ??

Per ora davvero grazie agli amici di Man Racing che continuano a confermare di non essere solo noleggiatori, ma anche…umani sempre!!!!

LA CLASSE NON è ACQUA !!!!!

GRAZIE  RAGAZZI  !!!!

Marco & Ernesto

 

RALLY MILLE MIGLIA 2011





FACCE DA RALLY




Certo che noi, che  volevamo solo divertirci, ci troviamo in un  crescendo……….

I partner sono importanti in queste cose e devo dire che i "Men in black", come li definisce simpaticamente  il collega, le "Woman in white" aggiungiamo noi, per certi risultati fanno la differenza !!!!!!

Prudenti, avveduti, professionali e Simpatici  Mara, Andrea, Massimo, Antonio, Nicola, Alessandro  questi sono i compagni di performance con cui  Marco e Ernesto hanno  condiviso il 1000 miglia.

Marco, che era serenissimo, il venerdì ha solo tamponato un povero ignaro alla rotonda prima del parco partenza, mica poteva  arrivare in ritardo mancavano solo 2 ore !!!!

Ernesto, che non correva in casa, era più tranquillo con solo il peso di non spaccare la macchina sul muratello e col senno di poi, per troppa prudenza, non abbiamo fatto sbracciare nessuno … vabbè per il pubblico correremo un'altra volta ! ..e poi comunque abbiamo  acceso i “ cibiè”  in notturna e questo ci ha pagato non poco !!!!!! PEGGIO DEI BIMBI A GARDALAND !!

Volevamo arrivare, arrivare bene e ci hanno aiutato a farlo .

23 esimi  su 78 partenti con 32  Porsche …. Il programma prosegue .

Ricordiamo la confidenza che finalmente cresceva di prova in prova con “ la bella blu”, i sorrisi dolci e rassicuranti di Mara  il rigore di Antonio ,che vuole portare a casa l’ auto sana, la perizia di Andrea e Massimo e i consigli di Alessandro che forse ci voleva più veloci …. Dai siamo due vecchietti ormai !!!!! portate pazienza !!!!

Ci siamo divertiti ?? no non molto … DI PIU !!!!!!!!!  la bella blu sembrava esplodere di prova in prova e invece affidabile, costante, guidabile ci dava gusto in crescendo, solo i filmati poi ci hanno fatto vedere qualche altro motore con dei cavalli  in più, ma anche  la possibilità di usarli tutti, quelli della bella blu !!! ( non ditelo ad Andrea che non ci mette più benzina per il prossimo rally !!!!!!!!!!!! )

Ma non si vive di soli tempi , si vive anche di  Sn 2    Sn 2    Sn 2    Sn 2    STRILLATO 7  VOLTE DOPO IL SALTO … E QUELLO NON FRENA MAI!!!!  oppure “ CALMATI O NON TI LEGGO PIU LE NOTE  “  o ancora  “ BUTTA LA MARCIA!!! VAI VAI VAI !!!!!  ( verso la fine, quando migliori i tempi  e vedi le tue energie scendere come la benzina in un dodici cilindri biturbo a manetta , il “ DX 3  apre “  non lo connetti  ma sai che il driver può andare e allora LO STRILLIIIIII !!

Scene da un interno vettura, commenti di due che si fidano davvero molto L’ UNO DELL’ ALTRO , del team  e la fiducia non è cosa da poco !!!

Certo che noi che volevamo farci un regalo ,giocare un po’, siamo presi molto, ora ,  il dna non mente  e l età non fa morire le passioni !!!!!! che fortuna  ALLORA SIAMO  VIVI !!!!!!!

Certo che noi  andremo al 2 Valli  …………. Il crescendo continua  con  MAN RACING ……….. NE SIAMO SICURI !!!!

GRAZIE RAGAZZI !!!

 

Marco & Ernesto




"SENTO IL PESO DELLA FRANCHIGIA"MEMORIAL BUSSENI 2011

 

Non capisco questa novità' di dover commentare io la mia gara ...

Ma quest' anno mi e' stato detto che e' così per tutti, e allora cominciamo.

Tutto questa volta comincia prima, difatti io, Marco (che questa volta non naviga me ma fa il pilota anche lui ... traditore ...) con l'omino degli adesivi (non so' perché omino...) partiamo in direzione Padova nella splendida patria dei "MAN IN BLACK"..

Inizia il rito degli adesivi, cofano blu fascia anni 70 e la mitica scritta sul vetro posteriore che non manca mai sulle mie macchine.

Dopo aver raccolto i commenti dei "MAN IN BLACK" ecco la prima bella idea.... l'ing. Maniero ci invita a pranzo.. E CHE PRANZO (OTTIMO ANTONIO). Fa parte della spedizione anche MARA che non guasta (vedi foto se non la conosci ...merita attenzione) ..

Si parla un po' di rally e cavolate varie e dopo un buon caffè' ci dirigiamo verso BRESCIA.

Eccoci a venerdì giorno di verifiche varie e di due prove in serata.

I  "MAN IN BLACK" arrivano in forze, al comando delle operazioni il mitico ANDREA seguito da MASSIMO (che deve aver fatto tardi visto gli occhiali neri) e dal prode NICOLA... AH DIMENTICAVO più defilato ma solo per controllare meglio la situazione l'ING. MANIERO che con occhio vigile controlla i sui "MAN"..

In un attimo le vetture sono pronte, verificate e perfettamente pronte per il rally.

Comincia il mio dialogo con MICHELLE (la mia ESCORT preferita) ,

le chiedo come si trova con la nuova frizione che le hanno montato, con le nuove gomme e lei mi dice che e' tutto ok.....

In un attimo e' ora di partire, tuta cuffie e via verso la pedana di partenza dove ci aspetta la prima prova ... l'intervista pre gara.

Al mio fianco c’è CRISTIAN, che quest'anno ha scelto, dopo le varie esperienze con la sua 131 abarth (tra cui qualche rally con MARCU ALEN), di provare una gara con un VERO pilota...IO...

L'intervista e' perfetta, difatti arriviamo sulla pedana ed un blackout toglie corrente ai microfoni, perciò la prima prova e' superata.

Arriviamo dopo una ventina di minuti alla prima vera p.s..

E' la mitica Muratello, la cui partenza e' uno stadio naturale, tre tornanti in successione con gradinate naturali stracolme di persone, che fremono vedendo una posteriore pronta a partire.

Parlo con MICHELLE e le chiedo di assecondarmi ..prima inserita e via, dopo una bella sgommata e un paio di traversi sui tornati la festa ha inizio ....CRISTIAN e' impeccabile alle note , una sicurezza.

dopo un lungo riordino la ripetizione della prova, ma purtroppo, visto una serie di uscite senza conseguenze, la p.s. viene annullata.

Andiamo verso il parco chiuso.

E' SABATO .... e sorpresa i "MAN IN BLACK " sono aumentati ...arrivano a Brescia Alessandro e udite udite...... MARA !!!

Che dopo pochi minuti diventa a colpi di straccio "LA RAGAZZA DEL VETRIL..." DOPO LA SUPER PROFESSIONALITA' ARRIVA IN ASSISTENZA UN SUPER SORRISO ".

Dopo i commenti alla mia t-shirt (SECONDO ME MOLTO SOFT) , mi rimetto in tuta e la seconda tappa prende il via.

Chilometro dopo chilometro mi rendo conto di quanto sono stato fortunato a trovare queste persone che ogni volta mi mettono a disposizione una ESCORT a dir poco FANTASTICA..

Le speciali passano via veloci , io e CRISTIAN ci stiamo davvero divertendo ed e' davvero bellissimo trovare ad inizio e fine prova i "MAN IN BLACK" sempre pronti a controllare MICHELLE nei minimi dettagli... che bravi.. !

Anche quest'anno al riordino trovo uno che mi fa i complimenti........ma non per la mia guida, ma bensì' per la scritta sul vetro posteriore...va beh non sono uno che e si fa notare per la guida....ma non fa niente... forse ho sbagliato mestiere, ma io mi sto ' DIVERTENDO COME UN MATTO !!!..

Altre tre prove e ci avviamo verso il traguardo di Brescia , prima pero' c'e da ripetere la prova di casa ...i miei fans mi aspettano, sono due mia moglie, che ogni tanto mi concede una ESCORT (FORD ), e mio figlio.

Mi aspettano al mitico salto di Provaglio (ho promesso di staccare le ruote da terra) . C'e' pure l'amico del bar che ha scommesso un caffè per la riuscita del salto.

Ci siamo!!! CRISTIAN canta le note in successione D2 in S4 X DOSSO TIENI GIU' IN S X SUBITO S2 OKKIO...CHIEDO A MICHELLE DI NON TRADIRMI ECCO.... IL SALTO E' FATTO … E IL CAFFE' VINTO...GRAZIE MICHELLE..

Finiamo le p.s. e dopo l'ennesimo controllo sulla macchina dei "MAN" ripartiamo verso Brescia dove mi aspetta la pedana con l'intervista di fine gara.

Ci siamo, tocca a noi , saliamo e l'omino del microfono mi chiede come e' andata e io rispondo: “mi scuso con tutti se sono andato piano ma SENTIVO IL PESO DELLA FRANCHIGIA”.....alla seconda domanda rispondo con lo slogan che ho sul vetro posteriore “..NO ESCORT ... NO PARTY”........... E IL RALLY E' FINITO.

 

UN GRAZIE DI CUORE AI "MAN IN BLACK"CHE MI HANNO DATO LA POSSIBILITA' DI PARTECIPARE A QUESTO RALLY CON UNA MACCHINA A DIR POCO PERFETTA , E ALLA LORO SUPER PROFESSIONALITA' CHE ANCHE STAVOLTA MI HA FATTO SENTIRE PER DUE GIORNI UN pilota UFFICIALE...GRAZIE RENATO

 

RALLY DU CHABLAIS 11 - "racing is life, anything before or after is just waiting"

For me, this race started in March. This is when it became clear that the economy had improved enough for aircraft sales to pick up, and that there would be enough money in the bank to finally go for it, rent a car and “do it” again. It was about time, rally is an addiction and it’s not easy to live without it. After all, if a guy like Steve McQueen has said “racing is life, anything before or after is just waiting”, there must be something to it!

 

My last race had been the Rallye du Valais, in 2008. I did it with Luc, my copilot, on a Clio N3. We had lots of fun. Then the economy tanked and my business with it, I had to wait. In 2009 a new category was introduced in the Swiss Rally Championhip, the VHC, which stands for “Vehicules Historiques de Compétition”, or Historic Racing Cars. Of course, I went to see the races, which I always regret afterwards, and all of a sudden there were Porsche 911, Fiat 131, Ford Escort and many other cars which I used to dream of when I was a kid. As every passing day makes me a bit more “historic” myself (some even say “jurassic”), I decided I wanted to give it a try and race with one of these great cars. By the way, compared to the majority of modern cars, they have one decisive advantage: they are rear wheel driven, which I think should be mandatory for a rally car….

 

Anyway, mid March I set out and looked at what I could find on historic rally cars to rent on the internet. I did ask my friends also, but no one was able to give me “the” definitive address. The hunt was not easy, I stumbled upon many non serious looking stuff. Finally I requested quotes from five different companies. The cars where Ford Escort and Porsche 911, in France, Belgium and Italy. I do believe in “gut feeling”, and mine was telling me to go with this company in Italy, that was offering a nice looking Gr2 Ford Escort. I had harrassed them with many questions and Mara, the person I was communicating with by e-mail, was always quick and nice to come back with answers. So one day I told them “I want to book the car for the rally”. I went for a Gr2, because honestly the Gr4 where twice as expensive (seems logical as 2 x 2 = 4!), but also because it was to be my first race in three years, I would have no training, and there was no point getting a Gr4 and using only 30% of its potential. It was only going to be frustrating. The Gr2 should be easier to learn, and more quickly become fun to drive, at least this was the idea.

 

Next on the list where finding a copilot and going for the recce. The copilot was easy. Luc, whom I raced with in 2008 on the C2R2Max and the Clio, was available and said yes, to my surprise! After all, the guy has been 2nd in the Swiss championship in 2006, and has co-piloted serious drivers like Olivier Gillet who won the Rallye du Valais in front of no less than francois Delecour, and on an older car. I was happy!

 

Then on to the recce. I live in the Chablais region, but I never ever set one wheel on the special stages outside of the race or the recce. Our sport has a bad image in Switzerland, I truly admire the organiser’s work and do not want to jeopardise their efforts by inconsiderate behaviour. Besides, this is rally and improvistion is part of what makes it so interesting! Plus this year, compared to our last participation, the special stages where to be raced in the other direction, so we really had to start from scratch. I do like the recce because you meet with old racing friends, and doing a recce means you’ll be racing soon, I couldn’t wait!

 

Recce over, only one week left to the race. The pressure starts to build. Maybe I’m getting old, but I started to check to weather several days a week, would it be sunny, would it rain, would I remember how  to drive etc…. no good! As always, I was planning a quiet week before the race, but it did not work out, I had to be in Paris and two other cities in Europe to attend urgent business meetings, I work from early to late, business as usual in fact, but certainly no rest, maybe next time.

 

Thursday evening, the car arrives as planned. Beautiful machine indeed. I am not dispointed, it is every bit a nice car, plus Andrea and Massimo apparently are nice guys as well. The car comes off the trailer and we go for a short drive. It is about 18h00 and the streets are packed with people coming back from the office and tourists, no to mention police gearing up for the race as well, so the drive is really more a scenic drive than a decent test. I get one chance to put the car sideways in a roundabout, and what pleasure it is! Despite the lack of practice, I am looking forward to the race tomorrow. Going home, I am looking at the sky and it looks like rain….

 

Friday morning, Luc and I get up very early as we have to do the technical scrutineering at 07h00!!! Andrea and Massimo are ready when we get to the service area and everything goes well. At 11h00 the car goes in “parc fermé” and we wait for the start planned for about 14h00. For this first day we will be doing two different stages, the first, which we will do three times, begins by a fast and narrow road at the foot of the mountain, then on the banks of the Rhone river and on to wider roads in the valley. It is fairly easy and will be a good introduction to the car. The second stage is serious business, in the montain above Montreux. It starts by a very fast and very narrow road uphill, reaches the summit, at around 1’300 metres, and plunges down on the other side of the mountain. And believe me, “plunges” is the right word for it. There are several turns, just after the summit, where getting off means flying all the way down for a good  700 meters non stop…. As they say it’s not the speed that kills you it’s the sudden stop! And this year, to keep it interesting, while the uphill portion is relatively clean, the road downhill is covered with gravel, leaves and small stones. There is only one trajectory, which is passably clean, but if you put a wheel out of it it is holiday on ice! I must admit this one has me worried. That probably comes with getting old!

 

Before we start, I have to tell you that I sometimes do stupid things, besides racing cars, I mean…. A few days before the race, Frank Servais, one of the regular participants in this VHC category who drives a very nice 2.7 litres 911RS Gr3 had asked me what my objective was for this rally. I answered “to have fun, and finish in front of the Porsche”… Of course he couldn’t let it pass, and we promptly had a bet going: The one who would finish behind the other would pay for dinner! In retrospect, it was not only a bold and optimisitc thing to do, it was downright stupid! But I did it because I though I had a chance to win. This illusion was promptly shattered, as we will see.

 

While we wait, we get a look at the competition, and we realise that it will be though! There are two Sierra Cosworth, ex GrA cars, 300 + Bhp, untouchable, three Escort Gr4, among them the one that won Portugal with Juha Kankkunen, one BMW M3, two Porsche, Fiat Abarth 124 and 128, a Ford Escort Gr1 and a Toyota Corolla. All in, there are 13 VHC cars at the start. The Belgian ace Jean Pierre Van de Wauwer is driving a Gr4 Escort Mexico and is clearly here to win. Gérald Toedtli, VHC Swiss Champion in 2010 is here with his Escort Gr4, and he probably intends to have a word to say as well!

 

Finally the start. This has never happened to me before: I am downright scared, it is not the usual stress, half pleasure half anticipation, no it is nearly fear. It started to rain rather heavily, which made the choice of tires easy. Thanks for small miracles…. The only thing was that with the rain tyres, our beautiful Escort looked like a car ready to go to Sweden to compete on a snow and ice stage. The wet tyres, compared to the dry, look terribly narrow, and anything but cool… a lot of people looked surprised to see our Escort ready for snow!

 

Here we go, start of SS1. At first it goes ok. About 500 meteres after the start, there is a small stretch of gravel, with the rain it is extremely slippery, our “Swedish tires” turn out to be an advantage on this short portion. Thereafter it goes on tarmac all the way to the finish and we suffer. I have a problem with the brake and gas pedal being too close together. I didn’t notice it during the short drive yesterday, but when I try to be fast from the gas to the brake, I hit the two pedals at the same time, which definitively isn’t ideal. On one 90 degrees turn we go straight because of this and loose a bit of time. I also can see that I am way to early in braking, everytime, and that it is incredibly difficult to get bak into it after three years with no training at all. There is such a difference between everyday driving, or even pushing it a bit on the open roead, and the way you have to drive when racing, it is terrible! But still, the car goes well, the narrow tires probably make it easier to learn, as they have less grip and more gentle reactions, and we have good fun. At the end, we are 8th overall, just 3.2 seconds behind Frank in is 911. Given our problems during this stage, we think that it should not be too dificult to pass him… How wrong! Stage two will quickly put an end to our hopes. The Fiat 128 went of in the first turn on the gravel portion. We’re sad for him.

 

SS2: On the uphill portions, there are many fast and blind turns, in 4th gear, that should be ok flat out. However, I am not yet confident, and it is very difficult to convince my right foot to keep the “pedal to the metal” in all of these. More than once I lift off, ever so briefly, when I could have stepped on it. Seconds are lost, that’s called learning I guess. There are many hairpins as well, and there, with our tires, each of them is a pleasure, with a powerslide to get out, not very efficient, but great fun! We reach the top and start on our way down, and I am absolutely paralyzed. I even say to Luc something like “sorry my friend, I know this is not racing, but its all I can do right now, sorry”. Truly, it is a shame, there is no other word for it. We get to the end of the stage and have the 5th time overall. Frank with his 911 has been 24 seconds faster than us. On 12 kilomneteres that’s a lot. Gérald Toedli, put his beautiful Escort Gr4 in the trees about 2 Kilometeres from the start, and will not return in Super Rally tomorrow. A pitty!

 

SS3 is a repeat of SS1. We still have our brake & gas pedal issue, so we take it easy. Once again we do the 5th time, just 3.3 seconds behind Frank and 8 behind one of the Sierra Cosworth, which on the relatively short stage, 6.2 kilometres is a bit more acceptable, but clearly not enough to avoid having to pay for dinner….

 

After these first three stages, we get back to the service area. We have called Andrea and Massimo, so they are ready when we arrive and know what to do. We change for the dry tires and they arrange our pedal problem. The 15 minutes pass in no time and we are quickly on our way to SS4, a repeat of SS2.

 

SS4: The dry tires are much better. I get a bit more confident and overall the uphill is ok. The beginning of the downhill is the same nightmare as before, and as I try and push myself, we have a hairy moment and nearly get to visit the trees, so easy does it to the end. 5th time again in this one! With the dry tires, and confidence building, I start to retard breaking, but clearly, there is something not right. The car is decelerating, but not really braking hard, and it is shaking as well, something is going on there…

 

SS5: The last one for this first day, repeat of SS1 and SS3. The still wet gravel portion, which looks like a mud bath during this third pass on it, is much trickier with our wide dry tires. Braking is getting worse. Still we do the 4th best time in this one, behind two Escort Gr4 and the 911.

 

Return to service before a well deserved night of rest. Andrea and Massimo find one of the pistons in a brake calliper to be stuck. This should explain our difficulties with the brakes. They change the calliper and get us on our way in less than 15 minutes. Great Job! Once again, it is a confirmation that MAN Racing was a good choice!

 

The next morning, the sun is back, morale is high. We are 5th overall. Van de Wauwer is second, only 3.9 seconds behind Bérard on the “Kankkunen Gr4”. Third is Frank with his 911, 56.3 seconds from first position. 12,4 seconds behind him is the remaining Sierra Cosworth, which went off in SS2 and lost a lot of time, and we come 26.7 seconds behind the Sierra, or 39.1 seconds behind our dinner…. J. Actually and in retrospect it is not to bad for a first day, with zero experience with the car. After all, the cars in front of us are all much more pwerfull and driven by people who are used to them.

 

The stages of this second day’s morning are quite different from those we did yesterday. We have three different stages that we will race two times, with one visit to service in the middle. SS6 is the longest with 22.04 kilometres. It is a relatively narrow uphill portion, we even pass through a tunnel, carved in rock, with several turns and no light at all, better not forget to put them on at the start! The downhill portion is very very fast on very wide road that is normally used by the military for, among other things, tank driver training. This makes it rather slippery. There are also about 40 bridges in this downhill section.

 

SS6: The Sierra Cosworth that was supposed to start in front of us got delayed at this morning’s service, and will start behind us. This is a worry as it should no doubt catch us before the end of the 22 kilometres stage. We both request a gap of 2 minutes instead of one between our two cars, but it is not granted, we will have to live with it! The stage goes reasonably well. Confidence is coming. On the extremely fast downhill, we are limited by the relattively modest max speed of our Gr2 Escort. We hit the Vmax of around 150 Km/h quite often and for long stretches. When others can go up to 180 or 200 km/h this makes a difference. The brakes are still not as effective as I think they should be, and we have quite violent vibrations whenever I touch them. Still, we finish 5th again, 23.6 seconds behind the Kankkunen Escort Gr4, and only 37 seconds slower than the Sierra, not to bad on 22 Kilometres! The 911 however, with a much higher Vmax is 42.7 seconds faster, it is the end of our free dinner hopes!

 

SS7: Col de la Croix, a mythical stage! Only 11.62 kilometers, half uphill, half downhill, very fast as we reach an average speed of about 100Km/h, and extremely bumpy, making things quite “interesting” at times. We have lots of fun, take it easy on the vibrating brakes in the downhill portion and end up 5th again, but getting closer! We are only 3.7 seconds behind the Kankkunen Gr4 and 9.2 from the Sierra Cosworth, things are beginning to come together, and the fun factor is clerly there!

 

SS8: Another stage I like. It is narrow again, with a very bumpy section, ups and downs, slow and fast with a lot of rhythm to it. At 7.9 Kilometres it is not the longest but not the shortes either. At the end, we are dispointed, only the 6th time, 3.2 seconds behing the Gr1 Escort!!! Although he doesn’t count as he had to retire on day 1 and is on Super Rally, which makes us 5th actually, but still! Maybe the fun factor has been a bit too big? This stage takes place in the valley and there were lots of spectators, I might have lost time in the one or the other “sideways” that were not really fast, but fun! Or maybe I was just a bit too coutious on the bumpy part? We’ll be a bit more concentrated for the second run.

 

Quick dash through service. Andrea and Massimo take the brakes appart but can’t find anything amiss. After all, maybe I am just having trouble getting used to them?

 

SS9: repeat of SS6. great fun! 5th again, 11 seconds faster than on the first run through it this morning and only 19 seconds behing the “kankkunen Gr4” on the 22 kilometres.

 

SS10: Repeat of SS7, probably my favourite. 5th again, 6 seconds faster than this morning, again behind the Gr4. This Escort Gr2 is lots of fun and it can go much faster, I can feel it. I need more kilometres and things will go better. And a bit more brakes would be cool also, off course.

 

SS11: Repeat of SS8. This time we won’t have the Gr1 finish in fron tof us, and we push a bit more. It can’t be called attack yet, but we’re slowly getting there… “Chi va piano va sano…” At the end we are 8 seconds faster than in the first run, the Gr1 is behind and we’re happy!

 

Midday service is spent talking about the brakes, but there is no solution, we will go to the end like it is. Anyway, we are fifth, with a big gap in front and an even bigger one behind us. We look forward to an afternoon of sideways action and fun. There is a long regrouping of more than one hour. We use it to have lunch with some of the other residents of “jurassic park” (read other VHC drivers) and discover that Jean Pierre van de Wauwer really is a nice and very funny guy!

 

SS12: This is a so called Super Special Stage. We have to go round a circuit, three and a half times. The road is extremely narrow, and there are almost no places where overtaking is possible. I do not like it. We have to start just as the Kankkunen Gr4 arrives, He is immediately behind us, and I decide to get to the side and let him through. There is no point in making him loose time, and we have nothing to win or to loose. This also gives us a chance to see if we can hold him once he is passed. The answer is clear, not a chance! His 245 Bhp and five speed dogbox are talking, and they do so very clearly! On the second lap, on the inside of a slow turn, we feel a bump, and immediately loose the front. A small part in the steering has just bent, one wheel looks right and the other looks left, they kind of disagree on where we want to go next…. Saddly it means we have to retire. I am very very disapointed, because we were having lots of fun, and it was getting better and better.

 

Jean-Pierre van de Wauwer will go on to win the race. Frank finishes second, but first of the Swiss championship. And Berard on the now famous Kankkunen Gr4 finishes third. The only remaining Sierra retired in the same stage we had to. We are missing out on a 4th position finish, to bad!

 

As a conclusion, I am looking forward to having the pleasure to invite Frank for a dinner. My experience with MAN racing has been very positve and hence I am also looking forward to a next race with them in this year. It might be the Rally delle Valle Cuneesi, in September, we will see. This time it is not a question of $, but a question of time… In any case, I can only recommend the team and this very nice Gr2 Escort to anyone considering historic racing. Both are great!

 

  Pascal B.

RALLY CITTA' DI BASSANO 2011



Certo che noi che i rally  li andavamo a vedere in cinquantino da cross e disegnavamo col gesso sul muro della classe la stratos scala 1:1 …istituto tecnico che volevi che facessimo !!….
Certo che noi che la patente l' avevamo in tasca 24 ore dopo il ns 18 ° compleanno, che quella patente, oltre che per bruciare benzina come fossimo una raffineria, la usavamo per partire alle 3 del mattino, direzione toscana, per non perdere nemmeno un etto di polvere degli sterrati del san remo, che tornavamo con 20 rullini di foto, due notti insonni e se andava bene un pezzo di codolino lasciato su qualche muretto dagli  “ufficiali” …..
Certo che noi non avremmo mai pensato un giorno, per gioco, di correre come quelli  “ veri “ macchina trasportata , piano assistenze,  professionalità e simpatia .
Il seguito di “ certo che noi “  è lungo altri 20 anni  ma non ve lo racconto, dico solo che passa per assistenze fatte col furgone dello zio dell' amico del cugino, per esperienze di navigatore con un padre pilota da sempre e finalmente come  driver … sempre rigorosamente assistito da amici simpatizzanti e sani squilibrati del settore .
Forse andavamo forte sul serio ,allora, quando i rally nazionali  erano 11 ps tutte di notte e mediamente di 10 km ….. ma poi a 30 anni devi fare anche altro oltre che divertirti e in men che non si dica ti ritrovi su un camper con 2 figli  e non compri più autosprint …va bene soffrire ma tutto ha un limite !! 
Certo che noi poi siamo arrivati a 50 anni e, fatto quello che dovevi  fare, con più impegni di prima (e questa non l' ho mai capita !! ) ti chiedi come potresti festeggiare, chiami il tuo amico di sempre, che ha ancora in garage un pezzo di muso della stratos di tony, che ha corso più di te, che continua a comprare autosprint e per gioco gli dici “che regalo ti fai per il mezzo secolo ?”
LUI : "Mha …facciamo una festa?" 
IO: "ci facciamo la festa con un rally?"
LUI :  3 secondi netti..."dai  organizza !!!! "
… e fu subito Man Racing … !!!!!!
Sulla carta aveva buone credenziali  …. Ho mentito non compriamo autosprint ma conosciamo molta gente del circo follia … e nella realtà le ha confermate .
Appassionati e professionali , è stato bello condividere con loro il bassano, è stato bello guidare una delle loro Ford direi molto curata, è stato bello capire che ti difendevi ancora dopo 25 anni di astinenza , è bello pensare che ci stanno preparando una nuova gratificazione  per il prossimo 1000 miglia !!!
Sarà bello prepararlo anche con loro , poter contribuire, speriamo, a far piazzare  il team  che se lo merita !!!
RINGRAZIAMO Antonio per tutti, non per paura di dimenticarci di qualcuno (li abbiamo tutti e tutte affettuosamente molto presenti ) , ma per lasciare il  gusto, a chi legge e a  chi vorrà correre con loro, di scoprire da sé chi sono e  quanto possono dare !!!!
 
Marco & Ernesto


Dopo due anni dall’ultima volta che ho indossato casco e tuta, in piena “crisi da astinenza”, decido, anche incoraggiato dalla famiglia e dagli amici (che non ne potevano più di sopportarmi in tali pietose condizioni), di partecipare al Rally Storico Città di Bassano.
Ho scelto questo rally affascinato dall’idea di potermi “divertire” sulla mitica “Valstagna” dove erano previsti ben tre passaggi.
La scelta della vettura è stata particolarmente difficile: potevo scegliere tra una Ford Escort, oppure una Ford Escort od anche una Ford Escort; alla fine ho optato per una Ford Escort Gruppo 1.
Come navigatrice l’esperta Micky Cressi che, oltre alle indiscusse doti professionali, accettando di sedersi al mio fianco ha dimostrato anche di essere dotata di notevoli doti …… umane.
Definita ed espletata la preparazione atletica necessaria (per due settimane 5 minuti di cyclette al giorno e niente super alcolici) mi sento veramente in forma.
E finalmente arrivano i giorni del Rally: ricognizioni tutto ok, verifiche tutto ok, partenza tutto ok, ed eccoci subito alla tanto attesa Valstagna.
Ca……spiterina quanto è duro fare i tornanti senza idroguida (a questo non avevo pensato), comunque, pur sentendo la macchina un po’ “legata”, concludo la prova (pur con il fiatone); al controllo stop mi fanno notare che i miei tamburi posteriori fumano abbondantemente: strano penso io sapendo che queste vetture frenano solo davanti, prima di accorgermi di non aver, allo start, abbassato completamente la leva del freno a mano …..
Il ritmo di questo rally è incessante e le prove (tutte molto belle e varie) si susseguono senza sosta , interrotte solo dai riordini a Marostica e dai successivi trasferimenti verso Valstagna (senza i quali ahimè, lo ammetto, sarei collassato).
Mi sto veramente divertendo e, nonostante qualche errore e diverse titubanze, il piacere ritrovato della guida in gara è grande.
Arrivo all’inizio del terzo giro che, allo start di Valstagna, mi sento stranamente rilassato e per nulla affaticato: non avevo capito che il mio ero un rilassamento “pre-mortem”.
Me ne accorgo subito al primo tornante che riesco a fare per miracolo a costo di sforzi sovraumani per girare il volante, la tortura si ripete nei tornanti successivi fino a quando Micky, cosciente della situazione, comincia ad incitarmi “dai coraggio che sono gli ultimi!!!”…… questo prima di metà prova………….
Riuscivo, non so come, a completare la mia terza Valstagna, convinto che mi attendesse ormai una lunga e tranquilla “discesa” verso il traguardo: non era così.
A 2 Km dalla fine della “Stoccaredo”, dopo un colpo particolarmente violento su di una buca,  il motore comincia a “rattare”; concludo la prova e riesco ad arrivare in assistenza per ascoltare il terribile, inesorabile verdetto: stop … out …. finish ……. contatto elettrico dello spinterogeno kaputt.
Comunque dopo il primo momento di comprensibile delusione, ho realizzato che 10 prove speciali effettuate su 12 previste erano state comunque sufficienti a farmi divertire (pur con qualche sofferenza di troppo) ed a permettermi di arrivare alle seguenti conclusioni:
1)     bisogna essere seri (soprattutto ad una certa età), riconoscere i propri limiti e prepararsi in maniera adeguata,
2)     l’appetito vien mangiando e so che fra qualche giorno mi tornerà la fame.
Un arrivederci quindi alla prossima (penso proprio che ci sarà) ………….. ma con qualche chilo in meno e con tanto fiato in più.   
 
Tony .... "the Boss"

 

RALLY VALLATE ARETINE 2011

RALLY HISTORIC VALSUGANA 2011

Da equipaggio 36: MAN RACING, abbiamo un problema: ...... semo veci
 
Correva l'anno 1981 quando Franco G. e Franco B. decidevano di provare l'emozione delle corse su strada debuttando al Rally delle Valli Orobiche con una Simca R2 di gruppo uno.
Trasferimento su strada, quattro "Pirally" Cinturato 36 e, come ''assistenza'', il thè della zia nel termos scocciato al montante del rollbar. Quarta prova speciale, dopo un' innocua uscita di strada, nella quale peraltro avevamo tranciato un cartello di curva pericolosa!!! e subito dopo essere ripartiti con l'ausilio della solita compagnia della spinta, della benzina finiva, non si sà come, sui collettori di scarico. Fiammata, fuoco indomabile e Simca carbonizzata ( compreso il termos della zia).
Questo il primo debutto, al quale è seguito nello scorso fine settimana il ns. "secondo debutto" rappresentato dalla partecipazione al Valsugana Historic 2011, gara di casa.
Per Franco G., il pilota, si è trattato di una " rentree" dopo aver appeso il casco al chiodo quasi quindici anni fa, mentre Franco B., il naviga, aveva continuato imperterrito, entrando nell'Olimpo dei navigatori, con grande rabbia del primo.
Per tornare alla gara, disputata su un percorso bellissimo e supportata da un'assistenza da "ufficiali", il pilota si è molto divertito (almeno fino a quando non ha visto le classifiche, dove si è reso conto di essere stato massacrato), il naviga probabilmente un po' meno, visto che il lento incedere lo costringeva a cantare le note sul ritmo della canzone " una rotonda sul mare".
P.S. ( post scriptum, non prova speciale 'gnurent)
Nel dopo cena alla festa della premiazione, un "amico" si avvicina al duo di cui sopra e dice:"attenti a non far tardi nel  rientro alla casa di riposo, altrimenti dovrete fare i conti con la madre superiora"... ma questo valeva per tutti e due. Thié!!!!
Franco G.
 


Il bello di questo lavoro è di avere la fortuna di incontrare certi "fuoriclasse", come il ns. Franco G. che oltre a regalarci un post degno del miglior Zelig ci ha regalato una chicca che rimarrà nella storia della Man Racing (vedi qui)..grazie Franco
Mara

SNOW TROPHY '11





circa un'anno fa il mio fratellone DEDO mi chiama e mi dice :"Frank ho la soluzione giusta per te!!!,
vicino Padova c'è la MAN Racing , ho provato la loro Escort MK2 che, oltre ad essere una vera gr.2, è curata fin nei minimi particolari da ANDREA !!".
Da lì a farci una gara test il passo è stato breve.
Grazie ad Antonio Maniero(e lui sa il perchè) parto con il mio fido navigatore MINO alle volte di Fiera di Primiero.
Arrivati facciamo un giretto sulle prove e sui trasferimenti: salite, discese, ghiaccio, terra, asfalto, insomma un pò di tutto; diciamo il tipo di fondo che prediligo.
La sera, con la ns. bella RS 2000 facciamo il prologo della gara e cerco (come si dice da noi) "di prendergli il verso", cosa che mi riesce del tutto facile.
Bene!!! usciamo dal prologo soddisfatti dell'assetto morbido fatto ad hoc per l'occasione; dell'erogazione del motore (che sembrava un'iniezione meccanica) sempre pronto e soprattutto pieno.
Così ci lanciamo l'indomani nella fantastica giornata ricca di traversi a go! go!
Beh lungo la strada che porta al Passo Cereda  era un piacere portare di "piatto" l' MK2  (2a, 3a, e 4a tutto era intuibile, niente sorprese!), la gente che era lì lungo i tornantoni in discesane sa qualcosa !!!! DIVERTIMENTO ALLO STATO PURO. Naturalmente il tutto condito dall'ineccepibile presenza degli uomini della MAN Racing ad ogni fine prova.
LA PROMESSA (sponsor permettendo e se anche non dovesse esserci vedremo di  fare qualche sacrificio ......) è quella di correre, con questa vettura il Tuscan Rewind 2011.
Un grande grazie al Patron della ManRacing Antonio ed ai suoi figli Massimo e Andrea.  
FRANCESCO


 


Un giorno Stefano mi chiama e mi dice “e se facessimo lo SnowTrophy?”  

Risposta scontata ovviamente "Si !!!"


…per farla breve Stefano si mette in contatto con “Tony” Maniero e credo non ci metta molto a fermare l’Escort RS 2000 Gr.1 rossa! So solo che mi telefona e mi dice: “ ho fatto un salto alla ManRacing e ho preso l’ Escort gr.1: la gara la facciamo!!!


Con Antonio abbiamo avuto modo di conoscerci al Veneto Rally Club e devo dire che a pelle …mi piace! (…professionalmente parlando). Per quello che riguarda la gara invece ci ritroviamo a Fiera di Primiero la mattina di sabato, giusto il tempo di presentarci alle verifiche dei documenti, di seguire le indicazioni dei “ManRacing” Andrea e Massimo, di decidere per le chiodate e via per un brevissimo giro di prova. Macchina mai guidata prima da Stefano, gara mai fatta, prologo del venerdì …saltato! Beh, ci allacciamo le cinture e partiamo per l’inizio gara.

Dal centro di Fiera di Primiero prendiamo il via e dopo pochissimi chilometri siamo alla 1°prova (Giare) partiamo e sinceramente districarsi tra le cataste di tronchi cercando di capire se,  dove si vede un nastro tirato, dobbiamo girare a ds o sn non è poi così semplice, Stefano non spinge (giustamente) più di tanto e deludiamo il popolo del bordo strada, ma il bello deve ancora venire! A circa 700m. dal fine prova, prima di una curva S2 coperta dalla solita catasta di tronchi, me ne esco con un bel : “dai che siamo arrivati!” facciamo la curva pronti ad arrestarci e realizziamo che il traguardo è molto più in là!! Stefano mi chiede: “quanto manca?” …risposta: “fracca che semo già in ritardo de 10 sec.!!!" . Risultato 300 punti di penalità. Ma noi, che guardiamo al divertmento e non alla classifica, non ci facciamo nessun problema e proseguiamo come niente fosse. Il resto della gara è stato un crescendo; Stefano man mano che prendeva confidenza con la macchina si lasciava andare a numeri via via più spettacolari; il fatto è che poi c’ha preso talmente gusto che non c’era più differenza tra prove e trasferimenti: era sempre di traverso!” .
Tanto che il lunedì dopo la gara ho inviato una mail alla simpaticissima Mara (WomanRacing) per segnalare che tutti i chiodi spariti dai pneumatici erano sparsi sui tornati del Passo Cereda!!!

Grazie a tutti veramente: a Antonio, Andrea, Massimo e Mara!!! (sembrava quasi di essere ad un vero rally!)

Grazie a Stefano ( il mio super-pilota!).

Un saluto in particolare a Francesco e Emidio ns. compagni “di scuderia” per l’occasione!

DIEGO

Trofeo Historic Rally - MOTOR SHOW 2010


raduno COSWORTH 2010



Tutti a divertirsi sotto il diluvio, non saranno certo "due gocce" a fermarci!!!
Un ringraziamento speciale a chi, munito di smisurata passione, ha realizzato e organizzato tutto questo...grazie ragazzi! http://www.rscosworth.it/index.htm

COPPA MONTE VENDA 2010 - il debutto delle BAD Girls -


Viviamo a Padova…è la gara di casa…come si può non farla?

Decido per l’Escort Gr.2 bianca e per la "morosa" alla sua prima esperienza come navigatrice: per imparare meglio stare vicino a casa.

E’ bello percorrere, con un'auto da corsa, le "tue" strade; quelle strade sulle quali parecchi anni fa molti piloti si sono messi alla prova in rally ben più titolati.

Si può solo ringraziare le persone che hanno reso possibile questa rievocazione.

Si percorrono le strade di Teolo, Castelnuovo, Bastia e Albettone, prove corte ma bellissime, asfalto e sterrato.

Che dire, il divertimento è assicurato ed infatti, dopo i primi km per rodare la navigatrice e riprendere in mano la mia Escort RS 2000, la restante parte di gara si rivela molto divertente e piena di emozioni.

A queste emozioni ha senz'altro contribuito, in una splendida notte di luna piena, la presenza di tanto pubblico appassionato che gremiva, incitando "noi primi attori", i tornanti e le curve delle prove speciali.

Ho vissuto dal vivo quelle sensazioni che mio padre ed i suoi amici ci trasmettono con i loro racconti e ricordi sui meravigliosi rally degli anni '70 ed '80.

In termini di classifica il risultato non è stato dei più soddisfacenti, anche a  causa della mancata partenza del cronometro in una prova (sic!); ma in termini di divertimento l'obiettivo è stato abbondantemente raggiunto.

Sicuramente è stata un'esperienza da ripetere anche l’anno prossimo!
Max 


Da fervente sostenitrice dei team femminili, non posso che dare il mio personale benvenuto a questa nuova coppia di navigatrici: le BAD Girls...molto BAD ma soprattutto Girls... (grandissime!!!), la copertina è tutta per voi...e per il boss...perchè non guasta mai...
Mara 

 

La gara di casa, la terra e la notte, sono i tre elementi cardine che mi fanno pensare “Voglio partecipare al Venda”. Come al solito, chiamo l’amico di tante scorribande, Nicola Renier “Ti va di fare il Venda?” Come no? Certo! E con che macchina? Con la Ford Escort della Man-Racing naturalmente!!!!! Detto, fatto. Gli ingredienti per il divertimento ci sono tutti, ma soprattutto c’è lei, quella meravigliosa auto curata nei minimi dettagli dall’instancabile Andrea Maniero.

Pronti, via e le prime tre prove, brevi ma molto divertenti, mi servono a prendere confidenza con la “signorina” che purtroppo da due anni avevo “abbandonato”. Alla quarta prova, la mitica “Albettone”, interamente su terra e pienissima di pubblico (attento valutatore di traversi!)  mi convinco che la Ford Escort è una gran macchina da guidare in quelle condizioni!

Arriviamo all’assistenza e trovo i “Man in Black” capitanati da Antonio Maniero, pronti ad assistere la “signorina” e a darmi alcuni suggerimenti che metto in pratica al secondo giro. All’ultima prova un commissario mi avverte che i tornanti sono pieni di pubblico (molto bene!), infatti trovo un sacco di super appassionati dotati di trombe e tutto l’occorrente per gasare i driver, ma a metà prova troviamo una “fulvietta” ad andatura…“regolare”….. al cui malcapitato driver fischiano ancora le orecchie per le espressioni colorite usate da me e Nicola “ Se volevi dormire potevi stare a letto, te vegnesse ….” e giù ancora!

A fine gara un bel panino con salsiccia, tante risate e pacche sulle spalle ci fanno pensare che questa è una manifestazione meravigliosa, che fa assaporare anche a noi ragazzini il clima dei rally “old style” dei ruggenti anni ’70  e’80, di cui, i nostri amici e genitori ci raccontano perché vissuti in prima persona.

La classifica non era di nostro interesse, ma il divertimento sì, e quello è un obbiettivo che grazie al nostro amico Luciano Facco, Antonio e Andrea Maniero ed agli Organizzatori del “Venda” siamo riusciti a centrare in pieno.

Si pensa già al prossimo anno e alla prossima gara!

Nicola

p.s. grazie Nicola per le bellissime parole (i "Man in Black")

1000 MIGLIA STORICO - COPPA CITTA' DI BRESCIA - MEMORIAL NICK BUSSENI



Al “Citta di Brescia” ManRacing mette in campo il tridente e si presenta con due Escort RS 2000 Gr.2 affidate agli equipaggi Maestri – Trevisiol (al debutto con una nostra trazione posteriore) e Mabellini – Salvadori (impegnati nella regolarità sport) e l’Opel Kadett GTE Gr.2 del quotato Marcello Rocchieri.
Proprio quest’ultimo è autore di una gara significativa che lo porta a salire sul podio della classe 2000 di Gruppo 2 (terzo) ed a cogliere un ottimo 9° posto nella classifica assoluta del terzo raggruppamento.
Stefano Maestri, ottimamente navigato (vero Chiara !!!), dopo un inizio guardingo (indice di buona maturità) velocizza sempre più la sua azione realizzando nella seconda parte di gara tempi molto vicini a quelli dell'esperto Marcello (penalizzato a dire il vero da uno sterzo particolarmente duro). Alla fine un 5° posto di classe ma soprattutto un 11° assoluto del terzo raggruppamento rappresentano il biglietto da visita con cui si presenta Maestri all’esordio con l’Escort RS 2000.
Renato Mabellini fortunatamente partecipa alla regolarità perché il suo stile di guida alla “finlandese” (vedere le foto per crederci), indirizzato prevalentemente allo spettacolo, lo penalizzerebbe certamente sui tempi.
Tre punte alla partenza, tre punte all’arrivo: esperienza, maturità, capacità ed un pizzico di fortuna hanno permesso di avere al traguardo tre vetture perfettamente marcianti e senza uno striscio.
Una bella giornata di soddisfazione senza la più piccola ombra per tutti noi di ManRacing: ogni tanto ci vuole!
Alla prossima.
 

TRENTO-BONDONE 2010

TROFEO VALLECAMONICA '10




Grazie a Pietro per sapersi ancora emozionare e a Matteo per saper regalare emozioni.

RALLY CAMPAGNOLO 2010

COPPA DALLA FAVERA - 2010